0755-25643421
Casa > notizia > Quasi 15.000 container sono intrappolati nel terminal, i camionisti americani chiedono l"esenzione dalle controstallie
Certificazioni
Contattaci
Shenzhen Sunny Worldwide Logistics Co., Ltd
l'attività di distribuzione è un fornitore di servizi logistici internazionale che si sviluppa rapidamente attraverso la pratica di assistenza per molti clienti, tra cui le prime 500 aziende globali.
Contatta ora
Seguici

Quasi 15.000 container sono intrappolati nel terminal, i camionisti americani chiedono l"esenzione dalle controstallie

Quasi 15.000 container sono intrappolati nel terminal, i camionisti americani chiedono l"esenzione dalle controstallie

Ester souhang 2020-11-16 11:01:11

Da questa estate, i porti integrati negli Stati Uniti di Los Angeles e Long Beach sono stati afflitti dalla congestione e la situazione sta peggiorando.

La California Trucking Association (CTA) e la Port Trucking Association (HTA) hanno dichiarato questa settimana che il trasporto di merci attraverso questi due porti è "quasi completamente paralizzato".

Secondo HTA, 10.000-15.000 container sono rimasti intrappolati nel terminal, ostacolando le operazioni.

E una serie di fattori hanno esacerbato la congestione e gli arretrati: uno è il calo della produttività dei terminal a causa della riduzione dei lavoratori Covid-19; l"altro è la carenza di veicoli a telaio; la terza è la "mancanza di transazioni a due vie" chiamata dall"organizzazione di autotrasporti: i camionisti non possono farlo subito Portare via le scatole importate durante la consegna.

Questa congestione si è ora estesa alle società di trasporto ferroviario e ha aumentato i tempi di consegna dei camion terminali. Il tempo medio di consegna è passato da 70 minuti ad agosto a 77 minuti a settembre e 81 minuti a ottobre.

Le due associazioni di autotrasporti stanno ora sollecitando gli operatori terminalistici e le compagnie di navigazione a sospendere la riscossione delle tasse di controstallie.

Hanno sostenuto: "Gli spedizionieri e gli autisti di camion non sono in grado di restituire i container vuoti o di ritirare la merce, e vengono detratti milioni di dollari in tasse extra per il ritardo e controstallie. Ci auguriamo che si possa intraprendere immediatamente un"azione giusta per fermare il commissioni per ritardo e controstallie. "

Hanno sottolineato che all"inizio di quest"anno, i conducenti di camion di rimorchio hanno influenzato la restituzione di container vuoti a causa della chiusura del cancello e dei problemi del sistema di prenotazione. A quel tempo, due vettori accettarono di rinunciare alle spese di controstallie, ma il problema persisteva e furono raccolti milioni di dollari. Demurrage.

Gli addebiti potrebbero continuare per un po "di tempo. La National Retail Federation (NRF) prevede che le importazioni diminuiranno gradualmente nei prossimi mesi, ma altre organizzazioni prevedono che le importazioni rimarranno elevate fino al Festival di Primavera di febbraio.

CTA e HTA hanno dichiarato che se non si vedranno presto progressi, intraprenderanno ulteriori azioni e intendono chiedere alla Commissione marittima federale degli Stati Uniti di intervenire.

Dall"inizio di quest"anno, le importazioni da tutti i porti della costa occidentale degli Stati Uniti sono aumentate. Secondo gli ultimi dati della National Retail Federation (NRF), le merci importate a settembre sono state di 2,11 milioni di TEU, il livello più alto da quando l"organizzazione ha iniziato la sua indagine Port Tracker nel 2002.

In ottobre, il volume di carico mensile del porto di Long Beach e del porto di Los Angeles, i porti più trafficati degli Stati Uniti, ha raggiunto un livello record. Il volume del carico del porto di Long Beach a settembre è stato di 795.580 TEU, con un aumento del 12,5% rispetto all"anno precedente, mentre il volume del carico di Los Angeles è stato di 883.625 TEU, con un aumento del 13,3% rispetto a settembre 2019.

Jonathan Gold (Jonathan Gold), vice presidente NRF per la catena di approvvigionamento e la politica doganale, ha dichiarato: “Questa impennata è in parte dovuta al rifornimento delle scorte dopo il rimbalzo della vendita al dettaglio di questa estate, e in parte perché se si verificasse di nuovo il panico, no. "